Animation photo Animation_zps2e5d6bd9.gif

 

 

La copertina della Home Page del sito è dedicata a "Mio figlio è autistico", l'ultimo mio libro, pubblicato a maggio 2013, a cura di Vannini Scientifica. Questa scelta spiega la finalità di uno spazio prevalentemente (ripeto: prevalentemente) dedicato all'autismo, che raccoglie il punto di vista di un genitore, di una persona - cioè - che come tutti i familiari dovrebbe essere parte integrante e fondamentale di quella rete di cui spesso si sente dire, che, purtroppo, nella realtà è poco meno (o poco più) di un'espressione semantica.

Il sito, alla cui realizzazione ha collaborato mia figlia Ileana, che ringrazio, è in diretto collegamento con il blog "dallaloroparte.blogspot.it" che, immagino, molti visitatori conoscano e (spero) apprezzino.

È diviso nelle sezioni "Libri", "PR.I.S.M.A., "Autismo IN", "Autismo OUT", "Foto", "Video". Nella sezione "controINFORMAZIONE" saranno inseriti articoli che appartengono all'attualità politica, economica e sociale, che difficilmente sono riportate dai mass media ma che, indubbiamente, è utile conoscere. Essere genitori di un soggetto autistico non ci esclude affatto dal mondo in cui viviamo, non ci autorizza ad estraniarci e deresponsabilizzarci da ciò che intorno a noi. E' possibile inviare mail cliccando nella sezione "Contattami". Nella sezione "Home Page", infine, sono presenti alcuni link che spero possano rivelarsi interessanti.

Dicevo che questo spazio non è esclusivamente dedicato all'autismo. Se in "Autismo IN" sarà infatti possibile trovare articoli dedicati specificamente al tema, "Autismo Out" è quasi l'esatto contrario: pagine di relax in cui ascoltare un po' di musica, ammirare il quadro di un grande artista, visualizzare un video divertente, cimentarsi con qualche gioco intrigante, sorridere (è un peccato anche se si è genitori di un soggetto autistico?) con una barzelletta, ecc ecc.

Perché questa scelta abbastanza atipica? Il fatto è che non mi hanno mai appassionato i discorsi monotematici né le persone che parlano e pensano per ventiquattr'ore, ogni giorno, alla stessa cosa, si chiami autismo o con un nome diverso, Trovo, invece, sacrosanto pensare "anche" ad altro, nella convinzione di poter migliorare la qualità del mio intervento verso Gabriele, mio figlio autistico, proprio provando ad uscire, di tanto in tanto, da questa dimensione unilaterale e frustrante cui l'autismo mi costringe!

E' un fenomeno, l'autismo, molto complesso. Vi lascio in compagnia di una scena del film del 2010 "Temple Grandin, una donna straordinaria" e ringrazio fin d'ora dell'attenzione e della simpatia con cui il mio sforzo sarà seguito e sostenuto.

 

L'opinione

6 Luglio 2014

Carissimo Vitale,

ho visto il sito, che mi piace molto, sia nella veste grafica sia nei contenuti. Consulterò di sicuro periodicamente, tra le altre, la parte ControInformazione, dove ho ritrovato temi che mi interessano in modo particolare (dai costi dei beni comuni alla catastrofe ambientale di Taranto, per troppo tempo ignorata anche da buona parte della sinistra ....).

La presenza non solo di argomenti legati all'autismo mi sembra un valore aggiunto.

Ho visto poi il video e la lettera che ha scritto quasi 20 anni fa e non posso che registrare che la stessa lettera e le stesse espressioni di sdegno potrebbero essere scritte ed espresse oggi per le tante situazioni in cui le cose sono rimaste quelle di allora.
Sono però - o almeno voglio essere - ottimista e credo che qualcosa è cambiato, anche se il cambiamento è a macchia di leopardo e ancora lontano dall'obiettivo, che non dobbiamo mai stancarci di perseguire, dell'estensione reale a tutti dei diritti all'istruzione, alla salute, all'autodeterminazione. Denuncio in tutte le occasioni, nella mia posizione - certo più "comoda" - di operatore, questa negazione di diritti delle persone con autismo, tuttavia voglio anche continuare a mostrare che un'altra strada è possibile, che si può fare meglio e di più, in parte con le stesse risorse di oggi, in parte mettendo sul serio al centro dell'agenda politica (in modo concreto) il tema dei diritti di tutti coloro che lottano quotidianamente per ottenerne il rispetto.

Bello vedere Gabriele come turista nel video sul viaggio!

Un caro saluto e grazie per le finestre sul mondo che il suo sito ci apre.

Maurizio Arduino

Condividi su

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin